Su Bet2Bet vince quasi 6.000€ col bonus gratuito senza deposito delle slots!

Bonus gratis 10€ senza deposito slots Bet2BetDopo tanto tempo, rieccoci… Finalmente la mia attività imprenditoriale, ad oltre tre anni dalla sua nascita, caratterizzati da più di una problematica che ho dovuto risolvere -fra cui il crack del principale partner che ci ha creato problemi enormi, finalmente superati-, inizia a camminare con le sue gambe: Bet2Bet.it, la mia Bet2Bet, si è ritagliata una sua piccola nicchia fra i colossi del gambling internazionale sbarcati nel gioco e nelle scommesse online italiane legali. Il suo trend di crescita è finalmente costante e più importante delle più rosee attese.

Il declino del poker.it, a mio parere “ucciso” dal cash game e dai casinò online, capaci di esercitare sul cosiddetto “italiano medio”, un fascino superiore e, soprattutto, di dare l’illusoria sensazione di poter vincere a tutti, senza doversi sforzare in quegli studi e ragionamenti necessari per prevalere, almeno sul lungo termine, nel Texas Hold’em e negli altri giochi di abilità vera, mi hanno indotto a sostare già a suo tempo verso le scommesse sportive il “main-business” di Bet2Bet, ridimensionando notevolmente gli investimenti e le attenzioni sul poker online, dove, in ogni caso, il vip system al top per chi gioca cash game a limiti micro e bassi, nonché l’ottimo e generoso bonus benvenuto poker, l’offerta resta fra le più allettanti del .it legale.

Ma non sono qui per pubblicizzare -o meglio, siamo onesti, solo per pubblicizzare- Bet2Bet… Sono qui per confermare ai tanti amici che attraverso questo blog seguono le mie vicende e ascoltano i miei “sermoni”, sto riprendendomi la mia vita, così da poter nuovamente tornare a coltivare hobby e passioni come il poker, online e live, che ho “trascurato” in questi ultimi due anni per creare una base solida alla mia vita.

Sì, perchè il poker, per quanto possa essere un lavoro affascinante, è una attività snervante, stressante al massimo quando lo si gioca, lo si vive con l’obiettivo di doversi garantire, con quello, la “pagnotta”. Il poker come lavoro, infatti, non è il poker live, dove -vista la varianza, vista l’incidenza della componente fortuna-sfortuna su piccoli campioni e breve termine- servirebbero sei vite per poter giocare un numero di tornei sufficienti per allineare i risultati a ciò che realmente è il nostro gioco -salvo qualche rara eccezione, dove il bilancio è “drogato” da sponsorizzazioni reali-, ma quello online. E reggere ore e ore di gioco, multitablando anche pesantemente, dedicando ore alla cosiddetta “post-sessione” (ovvero lo studio delle mani giocate nel tentativo di conoscere sempre meglio gli avversari e crescere dai propri errori) era snervante già con i soli sit ‘n go. Con l’avvento del cash e il progressivo “sparire” dei giocatori occasionali, questo lavoro è diventato massacrante, insostenibile quando l’età inizia a pesare.

E se non si “studia” costantemente, non si dedicano ore ed ore non si può essere vincenti sul lungo termine online, almeno a livelli di stack medio-alti. Da lì la decisione di sospendere il gioco online serio per dedicare tempo alla crescita di Bet2Bet, che, finalmente, oggi, possiamo dire che sia diventata maggiorenne e quindi in grado di sorreggersi senza “babysitter” o tutor. Non che in questi tre anni non abbia più preso le carte in mano o non abbia aperto un torneo o un tavolo cash online. Ho giocato, ma senza pressioni, senza l’assillo del dover per forza far bene. Ho vinto lo stesso qualche spicciolo, online e live.

Ora, finalmente, ho tempo per tornare a vivere la mia passione. Come passione, non più come unica fonte di sostentamento… Ma sempre con l’obiettivo di produrre utili, perchè altrimenti non avrebbe senso, almeno per come il gioco lo vivo io. Non travisiamo, è ok perdere qualche spicciolo, insignificante per i nostri bilanci personali e familiari, alla roulette o in qualche colorata slots ammazzanoia (ma quanto sono pericolose queste macchinette!), o anche a poker per vivere un’emozione (e il poker ne sa dare a iosa). Ma tutto va vissuto con razionalità, specie il gioco.

La mia “carriera” nel mondo del poker, come sapete, è nata per caso: nel 2008 sculando un freeroll (o quasi visto che il buy-in era simbolicamente di 1€) che mi regalò un pacchetto all-inclusive per giocare un side event delle World Series of Poker di Las Vegas e si è interrotta, dopo un vertiginoso crescendo, con la fine della sponsorizzazione che mi aveva portato all’interno del Team Admiral, società italiana del colosso austriaco Novomatic. Da lì nacque l’idea di creare Bet2Bet, una attività imprenditoriale che rappresentasse, col tempo, una garanzia solida di sostentamento.

Ora, dicevo, ho tempo di tornare a coltivare la mia passione e di dedicare nuovamente tanto tempo a questo blog, a questo filo diretto con altri appassionati di Poker e gioco.

Detto ciò, oggi, in questa prima puntata dell’ennesima “nuova era” della mia vita, voglio spendere due parole per suscitare una riflessione sule slots e sui casinò online. Premesso che sul lungo termine non è possibile vincere -jackpot esagerati a parte, ma è la classica eccezione che conferma la regola- ho avuto modo di sfatare una delle mie convinzioni, ovvero che tutti i giocatori di slots o casinò online fossero degli sprovveduti… Vi racconto una storia, di un giocatore di Bet2Bet. Mi spiace che non posso postare il suo nickname perchè, lo stesso, coincide con il suo nome e cognome. Ma, per confermarvi che è tutto vero -e non ritengo che qualcuno lo metta in dubbio- vi dico che il protagonista di questa vicenda vive in una cittadina di 7000 abitanti della provincia di Lodi, Zelo Buon Persico, e non ha ancora 20 anni.

Lo scorso settembre, nell’ambito di una promozione mirata a lanciare le slots del casinò online di Bet2Bet, abbiamo offerto 10€ di bonus gratis, senza obbligo di deposito, a chi si fosse registrato per la prima volta. Fra questi il giovanissimo ragazzo lombardo che ha giocato tanto per convertire i 10€ di bonus gratuito in 54€ di bonus reale, per poi trasformarli in 5.714 euro reali che ha immediatamente prelevato, fino all’ultimo euro, senza lasciare nulla per giocare ancora e senza, soprattutto, mai versare un centesimo per provare a vincere di nuovo. Non che non frequenti più il casinò e le 70 slots Bet2Bet. Ci torna, ogni volta che variamo una promozione con free-spin o con bonus gratuiti…

Perchè vi ho raccontato questa storia? Per spingervi a giocare alle slots? Tutt’altro… Non c’è gioco più devastante delle slots-machines, online e, soprattutto, di quelle disseminate in tutti i bar del Belpaese, al contrario dell’online legale prive di qualsiasi meccanismo di autolimitazione o autoesclusione. Ma ciò non significa che la causa di tutti i mali sia la slots. La causa dei problemi generati dal gioco è l’uomo, incapace di vivere razionalmente questo passatempo. E, a dire il vero, anche lo Stato che non lo aiuta a farlo con iniziative, regole, possibilità realmente efficaci.

Dunque, come non è la Ferrari da 300 Km/h la causa degli incidenti ma chi irresponsabilmente la guida, non è il gioco -che comunque andrebbe profondamente modificato nelle sue regole- il problema dell’Italia, ma sono gli italiani…

Ah, dimenticavo. Volete provare ad imitare il giovane della provincia di Lodi tentando la fortuna alle slots online legali? Oltre alla mia Bet2Bet (che offre un bonus benvenuto da 10€ senza deposito per provare le sue slots) c’è un altro sito italiano legale Aams (CLICCA QUI PER OTTENERE IL BONUS GRATUITO SENZA DEPOSITO) che ne offre 20 ai nuovi utenti. 10 + 20 = 30 euro gratis per giocare alle slots e, magari, arrivare a prelevare anche una bella somma senza rischiare nulla. Non è facile perchè i requisiti di sblocco in questi bonus sono “pesanti”. Ma è possibile… e provare non costa nulla!

Lascia il tuo commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.